Immagine di Testata

Nella tarda serata del 10 agosto il personale del Comune ha transennato una piccola area compresa nel territorio di Montepulciano, sulla riva del lago, in località Mugnanese, dove è stato rinvenuto un ordigno bellico, parzialmente conficcato nel suolo.

Ad avvistare l’ordigno, presumibilmente risalente alla seconda guerra mondiale, è stato un abitante di Castiglione del Lago che stava passeggiando lungo la sponda e che ha avvisato i Carabinieri della Stazione di Acquaviva. Si è così messa in moto la macchina della sicurezza che ha comportato il coinvolgimento del Comune (Sindaco e Polizia Municipale) e, appunto, la chiusura al pubblico dell’area ed il transennamento del punto.

I Carabinieri di Acquaviva hanno contestualmente richiesto l’intervento degli artificieri per disinnescare l’ordigno, venuto presumibilmente alla luce a causa dell’abbassamento del livello del lago causato dalla perdurante siccità.

I cartelli apposti nella zona indicano con chiarezza la chiusura al pubblico; si raccomanda comunque di tenersi a distanza e di adottare comportamenti improntati alla massima attenzione e prudenza.